Serie B: le quote per la top del campionato

Serie B: le quote per la top del campionato
settembre 14 17:48 2016 Stampa articolo

Due “matricole” comandano nel campionato di Serie B: dopo le prime tre giornate di campionato sono Cittadella e Benevento a condurre la classifica.

Sorprese della Serie B di quest’anno al top

Nove punti per i veneti, sette per i campani, entrambe le squadre, magari segretamente, sognano di ripetere l’impresa del Carpi di due anni fa, quando gli emiliani centrarono la prima storica promozione in Serie A, vincendo il torneo da neopromossi. Impresa ritenuta difficile dai bookmaker, ma non impossibile: sul tabellone Microgame Group si punta sulla vincente del campionato, che quindi andrà direttamente in A senza passare dai playoff. Su Benevento e Cittadella la quota è identica: 30 volte la scommessa, non troppo distante dal 25,00 assegnato al Trapani, rivelazione dell’anno scorso che ha mancato la Serie A per un soffio. Nonostante un avvio non proprio esaltante (4 punti nelle prime tre), il Verona – battuto proprio a Benevento nell’ultimo turno – resta favorito per il primato, a quota 3,50, seguito dal Frosinone (a 5,50) e dal Carpi (a 6,00) che come i veneti puntano a un pronto ritorno in Serie A. Quota 7,50 per il Cesena, altra pretendente alla promozione, che è distante 5 punti dalla vetta ma ha ancora una partita da recuperare. A 10,00 invece è piazzato il Bari, altra formazione accreditata per il salto di categoria.
1000 giorni fa di questi tempi il Lanciano era la migliore squadra d’Abruzzo e si godeva il primato momentaneo in Serie B, oggi la citta frentana dopo il ko nel playout di B e il disimpegno della famiglia Maio che ha portato alla mancata iscrizione del club in Lega Pro si ritrova a dover fare il tifo per la Marcianese, club di prima categoria che il prossimo anno prenderà il nome di Lanciano 1920.
La Marcianese non è però l’unica realtà che ambisce a prendere l’eredità della Virtus, visto che in Terza Categoria ai nastri di partenza troviamo anche Lanciano Football Club e Sporting Lanciano. Nel frattempo anche nel tifo organizzato non mancano le posizioni discordanti: il gruppo Non tesserati ha annunciato che non seguirà la Marcianese, mentre altri gruppi come l’Anxa ’97 hanno preferito tenersi defilati in questa fase.

Intanto ancora problemi per il Pisa

Slitta il pagamento della caparra da parte del fondo d’investimento Equitativa di Dubai nell’ambito della trattativa per rilevare il 100% delle quote da Britaly Post, società controllata dalla famiglia Petroni, proprietaria del Pisa, e la società londinese scrive al sindaco pisano, Marco Filippeschi, per conoscenza al presidente della Lega di B, Abodi: chiede se esistono “soluzioni alternative” per superare l’impasse. “Il nostro gruppo – scrive Lorenzo Petroni – ha accettato l’offerta vincolante formulata dal gruppo Equitativa il 4 settembre, che prevedeva, tra le altre cose all’art. 8, entro giorni 2 dalla sottoscrizione, il versamento di 310 mila euro a titolo di caparra e l’ulteriore versamento della somma di 5 milioni e 190 mila euro da effettuarsi sul conto vincolato a garanzia di quanto pattuito.
Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto una missiva dell’avvocato Lorenzetti, legale di fiducia di Maurizio Mian, dalla quale apprendevamo che il pagamento dell’operazione sarebbe stato effettuato da Mian”.




  Categories:
Vedi più

Articoli Autore

scommesse
scommesse

Vedi più articoli
Scrivi commento

0 Comments

Nessun commentro trovato

Commenta per primo.

Aggiungi commento

I vostri dati non verranno condivisi L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi .
Tutti i campi sono obbligatori.